Monastero
Masina Maria

Mahitsy

Madagascar

Fondazione
1954

Priore
p. Luc-Ange

Indirizzo

Caratteristiche

p. Luc-Ange

Comunità di Masina Maria – Mahitsy

Il Monastero

Il Monastero è situato 30km a nord-ovest di Antananarivo, a 1500m d’altezza, nell’isolamento. La comunità conta attualmente una ventina di monaci di cui quattro sacerdoti. Due fratelli francesi sono ancora tra noi. Si celebra la liturgia in lingua malgascia, salvo la messa in francese, celebrata due volte a settimana.
Il sostentamento del monastero deriva dall’allevamento di galline ovaiole e dallo sfruttamento di una grande foresta.
Il Monastero è ben inserito nell’Arcidiocesi e l’ospitalità è ben frequentata da pellegrini di tutte le età e condizioni. I monaci stessi assicurano numerosi ritiri. È presente uno studio di teologia per i giovani monaci che abbiano compiuto i 25 anni e assicura un primo ciclo di quattro anni.
Un monaco offre anche corsi di inglese e francese ai giovani del circondario. Il monastero contribuisce inoltre alla promozione della tradizione monastica attraverso articoli, conferenze e traduzioni, oltre a pubblicare anche opere di tradizione monastica in lingua malgascia.

La storia

Il Monastero di Mahitsy è stato fondato da quattro monaci dell’Abbazia di la Pierre-Qui-Vire (Francia) nel 1954 e si è lentamente ma costantemente sviluppato. La rivoluzione malgascia del 1975 ha rallentato e ostacolato lo sviluppo del monastero, che ha acquisito una sua indipendenza nel 1997.
Grazie alla sua illuminazione spirituale, il Monastero di Mahitsy ha largamente contribuito allo sviluppo della fede cattolica nella regione. Insieme ad un’equipe locale, uno dei padri del Monastero ha messo a punto la liturgia in lingua malgascia oggi comunemente e quotidianamente utilizzata in tutta l’isola.
Dal Monastero prende il via anche l’allevamento avicolo nella regione, attraverso l’istituzione di una cooperativa. Tutto il distretto è ormai noto e apprezzato in tutta l’isola per la sua specializzazione nell’allevamento di galline ovaiole. Ogni anno il Monastero accoglie stagisti da istituti di studi agricoli.

Le Attività
  • Accoglienza spirituale – Il monastero possiede una foresteria da 25 posti e offre percorsi di spiritualità sia alle persone ospitate che alle comunità religiose della regione.
  • Educazione – Corsi di francese e inglese per i giovani del circondario.
  • Attività culturale – Pubblicazione in lingua malgascia di opere della tradizione monastica.
  • Allevamento – Allevamento avicolo e bovino.
  • Produzione – Sfruttamento della foresta di pino ed eucalipto: vendita di legname in piedi o legna da ardere.

Pin It on Pinterest

Share This